Passa ai contenuti principali

COMMISSARIO STRAORDINARIO PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI NECESSARI ALL’ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DELLE DISCARICHE ABUSIVE PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE - FIRMATO IL PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE ANTONINO CAPONNETTO





Firmato  a  Firenze  il  Protocollo  per  la promozione  e  lo sviluppo  della  Legalità e  della Sostenibilità Ambientale


Roma,  5  dicembre  2017-  Il  1°  dicembre  scorso,  nella  magnifica  cornice  dell’Oratorio  di  Santa Caterina  in  Bagno  a  Ripoli  (FI),  in  occasione  del  23°  Vertice  Antimafia  organizzato  dalla Fondazione  Antonio  Caponnetto  di  concerto  con  l’Ordine  dei  Giornalisti  della  Toscana,  il Commissario  Gen.  B.  CC  Giuseppe  Vadalà  ed  il  Presidente  della  Fondazione  Caponnetto  Dott. Salvatore  Calleri,  hanno  sottoscritto  il  Protocollo  di  collaborazione  per  la  promozione  e  lo sviluppo della  Legalità  e della  Sostenibilità  Ambientale  nell’attività  di  messa  in sicurezza  e  bonifica delle  discariche  abusive  localizzate  sul  territorio  nazionale  di  cui  alla  Sentenza  della  Corte  di Giustizia  dell’UE  del  2 dicembre 2014. Il  Vertice,  giunto  quest’anno  alla  sua  23^  edizione,  ha  assunto  un  significato  particolare  in quanto  contemporaneo  al  quindicennale  della  morte  del  Giudice  Antonino  Caponnetto;  dopo  il seminario  svoltosi  in  mattinata  sui  “Professionisti  del  riciclaggio”,  nel  corso  del  pomeriggio  si sono  susseguiti  numerosi  interventi  e  spunti  di  riflessioni,  tra  cui  quelli  di  magistrati  della  DNA  e delle  DDA  impegnati  nel  contrasto  alla  criminalità,  di  giornalisti  e  di  numerosi  testimoni  della società  civile.   Tra  le  varie  assegnazioni  di  premi  il  Commissario  di  Governo  Gen.  Giuseppe  Vadalà  e   l’App.  Emanuela  Somalvico  appartenente  all’Ufficio  del  Commissario,  hanno  ricevuto  due prestigiosi riconoscimenti  che  hanno condiviso con l’intera  Struttura  operante. Il  Protocollo  firmato  con  la  Fondazione  Antonino  Caponnetto  ha  come  obiettivo  quello  di   corrispondere l’esigenza  di elevati standard di legalità  e trasparenza  attraverso  una  formale e  attiva collaborazione  con  questa  Associazione  portatrice  di  interessi  finalizzati  all’innovazione,  alle conoscenze  e  alla  tutela  del territorio e  dell’ambiente. Il  traguardo  della  riqualificazione  ambientale  connotato  dalla  trasparenza  nel  raggiungimento dell’obiettivo  si  pone  al  centro  di  questi  Protocolli  di  Intesa  e  di  collaborazione,  altro  importante elemento  che  aggiunge  valore  al  progetto  di  bonifica  e  riconversione  in  continua  evoluzione  del Governo e del  Commissario.

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/